Welcome

We are creative.

Follow us

Quello che gli uomini non dicono: ricordate chi siete

Rubrica quello che gli uomini non dicono

Quello che gli uomini non dicono: ricordate chi siete

Quello che gli uomini non dicono. Voglio farvi una domanda: avete mai visto una preda costituirsi a un cacciatore oppure provare ad acchiapparlo??? Immagino di no… ecco, allora ditemi per quale motivo volete sovvertire la catena alimentare!!!

Da sempre è l’uomo il cacciatore. È l’uomo che deve correre dietro, è l’uomo che deve affannarsi ed essere pronto a far di tutto. Mentre la donna, preda, deve scappare, tirarsela, sfruttare l’uomo, far credere di essere stata catturata poi ripartire fregandosene!!!

Tornate ad essere così, tornate ad essere desiderate, tornate semplici prede.

Vi spiego una cosa, se una donna avvicina un uomo col chiaro intento di conoscerlo, la scimmietta che vive nella testa del ragazzo inizia a battere i piatti in segno di festa , l’ormone inizia a muoversi e, l’essere maschile, inizierà a pensare di avervi già nel proprio letto, nuda, che cercate coccole dopo che lui, troppo velocemente, ha finito la sua pratica lasciandovi a metà e si è già girato dall’altra parte cercando il modo migliore per rimandarvi a casa senza che vi offendiate per poi sparire definitivamente.
Potrete considerarlo un concetto medievale, ma purtroppo per voi è la verità, l’uomo deve correre, deve desiderare una cosa, deve sentire di averla vicina e poi vedersela fuggire da sotto al naso per capire quanto possa essere importante e per volerla a tutti i costi, facendo di tutto per non perderla più dopo averla avuta.

Che sia chiaro, non dico che non dobbiate più provarci con qualcuno ed aspettare che arrivi il principe azzurro a provarci con voi, dovete solo riuscire a far in modo che sia la persona che vi piace a provarci mentre voi, fingendo, mostrerete all’inizio disinteresse e vi farete desiderare così che alla fine lo avrete ai vostri piedi, ma dei metodi per riuscir a far in modo che la persona che vi piaccia ci provi con voi ne parleremo la prossima volta… mica posso dirvi tutto subito, no?!

No Comments

Post A Comment